Ciò che provoca l’infiammazione, che cosa …

Ciò che provoca l'infiammazione, che cosa ...

Una panoramica completa su cause ed effetti di infiammazione

Scritto da Brian Rigby
A cura di Jackie Wicks PEERtrainer Fondatore
Inviato da Dov Michaeli, MD

Entrambe le cause di infiammazione, ed i pericoli specifici di infiammazione sono stati poco compresa dal punto di vista scientifico. Ma questo sta cambiando.

L’infiammazione è ormai capito come la riproduzione di un ruolo cruciale a moderare molte malattie croniche dello stile di vita. Nonostante questo, c’è un sacco di confusione esattamente ciò che provoca l’infiammazione, e che cosa possiamo fare per ridurlo.

Questo articolo discuterà l’ultima scienza e la ricerca, e anche fornire alcuni consigli pratici che si può mettere a uso immediato!

Che cosa causa l’infiammazione?

La prima cosa che deve essere affrontato è il motivo per cui si ottiene l’infiammazione a tutti, e come a breve termine infiammazione acuta si differenzia da infiammazione cronica.

L’infiammazione è la risposta naturale del corpo di un infortunio. Anche se i sintomi di infiammazione acuta sono sgradevoli, sono necessari per i processi di guarigione del corpo passa attraverso. I sintomi caratteristici sono dolore, arrossamento, calore, gonfiore e perdita di mobilità.

Se un disturbo termina con il suffisso "è", È una forma di infiammazione. Ad esempio, l’artrite viene da artro, giunto che significa, e itis, cioè l’infiammazione. Così, l’artrite è infiammazione delle articolazioni.

Che cosa è acuta infiammazione?

Il composto che aiuta la nostra aumentare il flusso sanguigno del corpo e la permeabilità, chiamato bradichinina. si lega anche ai nostri recettori del dolore, facendoci sapere la zona è ferito. Il nostro sistema immunitario va a lavorare, distruggendo eventuali agenti patogeni invasori e la rimozione di detriti. Al termine si allontana, prendendo l’infiammazione con esso.

Che cosa è l’infiammazione cronica?

Quando l’infiammazione non va via, è noto come infiammazione cronica o sistemica. e non è più una risposta pro-guarigione, ma piuttosto un sintomo che qualcosa è andato storto. Può essere difficile da diagnosticare un’infiammazione cronica, perché di solito non influisce parti del nostro corpo che possiamo vedere o sentire.

La chimica di infiammazione cronica

Per capire perché l’infiammazione cronica accade, alcuni dei processi biochimici che portano a tutti l’infiammazione deve prima essere compreso. Se c’è una cosa di togliere da questa sezione, è che le quattro proteine ​​elencati di seguito giocano un ruolo chiave nella nostra risposta immunitaria. Anche se non si può capire il rapporto completo che hanno da infiammazione cronica, essi sono noti i fattori che fungono da biomarcatori e portare a uno stato cronicamente infiammati.

1. Tumor Necrosis Factor alfa (TNF):

segnali TNFa al corpo per portare i globuli bianchi neutrofili al sito di infezione o lesioni. TNFa è noto come una citochina, o una proteina di segnalazione cellulare. Le citochine sono messaggeri molto simili in funzione, ma non identica, a ormoni.

TNF agisce come un "first responder" in un incidente – segnala al corpo, dove la maggior parte dei danni è in modo che il sistema immunitario può inviare la risposta giusta, che è quella di inviare i neutrofili, che agiscono come paramedici e vigili del fuoco, la compensazione macerie per raggiungere i feriti e kart via in ambulanze.

2. nucleare fattore kappa B (NF-kB):

NFkB funziona come un interruttore per alcuni geni. Quando NFkB è permesso di entrare nel nucleo, che lo fa attraverso l’ausilio di TNFa, attiva i geni che consentono alle cellule a proliferare, maturo, e di evitare la distruzione attraverso apoptosi (morte cellulare programmata). Questo permette di globuli bianchi per replicare e fare il loro lavoro nel ripulire la zona infetta o feriti. NFkB è un complesso proteico fattore di trascrizione.

NFkB è simile al impostazione prioritaria su una linea di comunicazione – apre tutti i canali disponibili per la risposta più veloce. Quando NFkB è acceso, EMT, polizia, vigili del fuoco e continueranno ad affluire alla scena dell’incidente. Quando NF-kB viene spento, smettono di arrivare e cominciare a lasciare.

3. L’interleuchina-6 (IL-6):

IL-6 atti di chiamare l’equipaggio strada per ripulire i detriti da un incidente e supervisiona il progresso. Come la strada si avvicina ad essere del tutto chiaro, IL-6 invia i detergenti, polizia, e qualcuno ha lasciato sulla scena dell’incidente via e, infine, dichiara la strada aperta, ancora una volta.

Proteina 4.C-reattiva (CRP):

CRP si comporta come la vernice un logger segna alberi per raccogliere con – è un segno che questo albero è bene rimuovere, ma che non lo è. Senza di CRP, ci vorrebbe il nostro corpo molto più tempo per capire quello che dovrebbe rimuovere e ciò che non dovrebbe.

Perché Comprendere la chimica è importante:

Immaginate che l’infiammazione è un tamponamento a catena multi-auto su una strada. Le prime persone addestrate ad arrivare sulla scena, TNFa di, guardare attraverso le macerie per trovare eventuali pericoli immediati, individuare persone ferite, e aprire tutte le vie di comunicazione per la risposta incidente è veloce e forte. I prossimi persone per arrivare sono i vigili del fuoco e paramedici, i neutrofili, che iniziano a fare leva vetture aperte e spostare l’infortunato in ambulanze.

Sanno quali oggetti sono detriti e che non sono perché CRP ha attraversato e contrassegnati i detriti, rendendo la pulizia veloce ed efficiente. Una volta che la strada è libera, IL-6 dichiara la strada riaperta e respinge l’equipaggio strada più di chiunque altro rimane alla scena dell’incidente. Ecco come funziona l’infiammazione acuta: si tratta di un processo veloce, efficiente, che ripara e pulisce le aree danneggiate e poi se ne va.

Come infiammazione cronica è diverso da acuta Infiammazione

La storia è un po ‘diverso con l’infiammazione cronica. Immaginate la stessa strada, ma non è un caso. I primi soccorritori sono stati chiamati alla scena, ma non riescono a trovare alcun relitto o feriti. Tuttavia, essi doverosamente aperto tutte le linee di comunicazione in modo che gli altri soccorritori possono venire. I vigili del fuoco e paramedici non arrivare mai, perché non ci sono danni, ma IL-6 chiama ancora in equipaggio strada per sgombrare i detriti inesistente. CRP è anche presente, cercando di individuare i residui di etichettare per la pulizia.

L’infiammazione cronica ha messo in, e il modo migliore per sbarazzarsi di infiammazione cronica è quello di dare al vostro corpo gli strumenti per eliminare i primi soccorritori non necessari, equipaggio strada, e altre risposte in eccesso. Senza ridurre i livelli di TNFa, NFkB, IL-6 e CRP, i soggiorni stradali "disregolato" e disfunzionale.

Molti fattori possono causare una risposta immunitaria disregolazione e portare a infiammazione cronica. Alcuni sono genetici, e non può essere modificato. Più spesso. tuttavia, sono fattori di stile di vita, e completamente modificabile. Oggi, il fattore più importante è il peso – tessuto grasso in eccesso porta a infiammazione cronica.

A seguito di peso, il cibo è il fattore più importante prossimo, non solo ciò che mangiamo, ma ciò che dovremmo mangiare. Il fumo è una fonte significativa di infiammazione pure. Dopo questi fattori, le radiazioni UV, stress, e le tossine ambientali come i pesticidi possono essere fonti di infiammazione pure.

Il tessuto adiposo, adipochine, e infiammazione

Non è più si ritiene che il tessuto adiposo bianco, o il grasso, è solo un organo di stoccaggio per l’energia in eccesso, come ora stiamo arrivando a capire che svolge un ruolo importante come un organo endocrino. In un individuo con una buona quantità di grasso, gli adipociti, o le singole cellule del tessuto adiposo, rilasciare una serie di ormoni e citochine simili agli ormoni, noti come adipochine, che controllano vari aspetti del nostro appetito e il nostro sistema immunitario. Del maggior interesse per l’infiammazione sono le adipochine, due dei quali sono i messaggeri pro-infiammatorie TNFa e IL-6.

Il grasso, come qualsiasi altro organo del corpo, ha una dimensione ideale, e funziona meglio quando in quel formato. Una tiroide ingrandita è preoccupazione per la salute, e può finire per rilasciare troppi ormoni, causando disfunzioni nel nostro corpo. Grasso non è diverso: una volta ingrandita, rilascia più ormoni e adipochine. Come grasso si espande attraverso l’aumento di peso, le cellule del tessuto adiposo rilasciano messaggeri sempre più infiammatorie, tra TNFa e IL-6.

Perché è necessario Spice It Up

Va inoltre notato che i più importanti giochi di ruolo alimentari a infiammazione cronica non è ciò che mangiamo, ma ciò che non mangia abbastanza. Frutta, verdura, e la maggior parte cruciale spezie tutti svolgono un ruolo enorme nella abbassare i livelli di messaggeri pro-infiammatorie. Si può ipotizzare che il ruolo più alimenti pro-infiammatori hanno è che sostituiscono alimenti anti-infiammatori nella nostra dieta, rendendolo più sul bilanciamento infiammatori alimenti di loro rimozione completa.

Gli alimenti che causano l’infiammazione

Tenete a mente che questi alimenti causano l’infiammazione più in individui che già soffrono di infiammazione cronica. E ‘una questione di equilibrio nella maggior parte dei casi, non è completa rimozione, anche se molti di questi nutrienti si trovano principalmente negli alimenti trasformati, che dovrebbero essere completamente rimosso per il massimo sollievo di infiammazione cronica.

Grassi trans, grassi saturi e l’infiammazione

Gli studi hanno dimostrato che le diete ad alto contenuto di acidi grassi trans e acidi grassi saturi possono avere effetti pro-infiammatori. Gli acidi grassi trans, in particolare, hanno dimostrato di aumentare la CRP, IL-6 e TNFa. È importante notare, tuttavia, che nessuno di questi grassi ha avuto un forte effetto infiammatorio se consumato in una bassa a moderata grasso dieta. Questo suggerisce che è il livello di grassi nella dieta di un individuo che influenza gli effetti pro e anti-infiammatori di acidi grassi saturi e trans, causando loro di essere più infiammatorio normale quando consumati in quantità elevate.

Gli alimenti che sono ricchi di acidi grassi trans sono cucinati con olio idrogenato o parzialmente idrogenato. Questi includono molti alimenti trasformati, come biscotti, cracker, e patatine. Il modo più sicuro per identificare gli alimenti che contengono grassi trans è quello di guardare la lista degli ingredienti. Se si vede la parola "idrogenato", Il cibo contiene almeno un po ‘di grassi trans. A causa di etichettatura legge, un alimento è consentito pubblicizzare se stessa come "Trans Fat Free" se contiene meno di .5 grammi per porzione, quindi l’unico modo per essere sicuri che qualcosa è veramente grassi trans gratis è quello di guardare la lista degli ingredienti. Trans grassi deve essere completamente evitato per motivi di salute che non riguardano direttamente con l’infiammazione.

Gli alimenti che sono ad alto contenuto di acidi grassi saturi sono principalmente prodotti di origine animale, per lo più animali alimentati con cereali. carne alimentati con cereali è anche più alta in alcuni altri composti pro-infiammatori, e più bassa in quelle anti-infiammatori, quindi se riducendo l’infiammazione è un obiettivo, cercare di carne nutriti con erba o pascolare.

Alcuni oli vegetali, come olio di cocco e di palma, sono anche ricchi di acidi grassi saturi, ma è importante notare che entrambi cocco e di palma oli non raffinati hanno anche forti antinfiammatorio composti pure.

Omega-6 acidi grassi: l’atto di bilanciamento

Gli acidi grassi omega-6 possono essere pro-infiammatorie, ma come con acidi grassi saturi, è dotato di un addendum. Quando omega-6 il consumo supera di gran lunga omega-3 il consumo, quindi il nostro corpo diventa sovraccarico di acido arachidonico, il grasso del nostro corpo crea da acidi grassi omega-6. Entrambi gli acidi grassi omega-6 e omega-3 sono essenziali – il nostro corpo non può produrre essa stessa, in modo che li deve consumare nella nostra dieta. Sia omega-6 e omega-3 sono parte integrante delle nostre membrane cellulari così, e si trovano nelle nostre membrane cellulari in proporzione agli importi di loro che mangiamo. Ciò significa che, quando si parla di infiammazione, la cosa più importante da tenere a mente è il rapporto di omega-3 e omega-6, non solo l’importo totale.

Mentre siamo in grado di consumare l’acido arachidonico direttamente quando si mangia carne, di gran lunga la fonte più comune di acidi grassi omega-6, e quindi di acido arachidonico, è alcuni tipi di oli vegetali. Girasole, cartamo, soia, mais, olio di cotone e contengono più omega-6, e con l’eccezione di soia sono praticamente privi di omega-3 (anche olio di soia è troppo basso per considerare un buon omega-3 source). Avrete notato che questi cinque oli capita di essere gli oli più utilizzati in alimenti trasformati – cioè non sbaglia. Gli acidi grassi omega-6 non sono inclini a irrancidimento come omega-3 sono, e quindi sono utilizzati per i prodotti alimentari trasformati in modo da non andare a male sullo scaffale.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità suggerisce che si dovrebbe mirare per il nostro omega-3: rapporto 6 a essere di almeno 1: 5 a 1:10, ma salute ottimale risiede nel 1: 1 a 1: 4 gamma. La dieta americana media fornisce un rapporto di circa 1:11-01:20, più comunemente all’estremità superiore, il che significa che per ogni un grammo di omega-3 che consumiamo, consumiamo undici a venti grammi di omega-6.

Basta consumare più acidi grassi omega-3 non è una soluzione valida per la maggior parte delle persone in quanto si tende a consumare tanti omega-6 attraverso alimenti trasformati. Una singola porzione di patatine fritte contiene, in media, 2.5-3 grammi di acidi grassi omega-6. La lattina medio del tonno, invece, contiene solo circa 0,5 grammi di omega-3. Il pesce fresco contiene più omega-3 (una quantità equivalente di tonno fresco ha 2,5 grammi), ma sarebbe difficile mangiare una porzione di un pesce per ogni manciata di patatine fritte che mangiamo.

Carboidrati raffinati, eccesso di zucchero e l’infiammazione

carboidrati raffinati e zuccheri in eccesso possono causare sia i nostri livelli di glucosio nel sangue a picco e inducono iperglicemia acuta, o troppo alto di zucchero nel sangue. L’evidenza suggerisce che quando il nostro zucchero nel sangue è troppo alto, il nostro corpo rilascia IL-6 e TNFa, i messaggeri pro-infiammatorie in più.

Tutto artificiale è un grande marcatore

Non c’è molta ricerca per legare direttamente i colori artificiali, aromi, e dolcificanti a infiammazione cronica, se la ricerca ha legato tutti questi ingredienti artificiali per altre questioni. ingredienti artificiali mostrano soltanto negli alimenti trasformati, che tende ad essere alto in altri nutrienti pro-infiammatorie, se non tutti in una volta. Durante la rimozione ingredienti artificiali stessi non possono alleviare l’infiammazione, evitando gli alimenti trasformati che contengono li certamente.

Gli alimenti si è allergici o sensibili a

Se sai di avere un’allergia, anche lieve, allora questo è un alimento che promuoverà l’infiammazione nel vostro corpo. Ci sono anche alcuni alimenti che sono provocando sempre più sensibilità, nonché, come il glutine o caseina (trovato in prodotti lattiero-caseari), ma questi alimenti non stanno andando a causare una risposta infiammatoria a tutti e, come la maggior parte degli altri alimenti in questo elenco , sono infiammatoria solo in un certo contesto.

Gli alimenti che combattere l’infiammazione cronica

Considerando che i cibi pro-infiammatori erano tutti sul contesto, gli alimenti anti-infiammatori tendono a promuovere un corpo libero-infiammazione sempre.

Attraverso meccanismi non pienamente compreso, molte piante contengono composti chimici che trasformano attivamente giù TNFa, NFkB, IL-6, e l’attività CRP. Altri alimenti contengono sostanze nutritive che lotta contro composti pro-infiammatori – impediscono loro assorbimento o di utilizzo, che porta ad una risposta più anti-infiammatori. Nel complesso, l’aggiunta di questi alimenti alla vostra dieta vi aiuterà a girare le tabelle su infiammazione, con conseguente recupero.

Come Spezie ed erbe combattere l’infiammazione

Molta attenzione è stata focalizzata su recentemente curcuma come spezie anti-infiammatori e anti-cancro. Curcuma contiene un elevato numero di composti anti-infiammatori e malattie impedendo attivi, ma la verità è che ogni spezie e erbe contiene composti anti-infiammatori, solitamente almeno tre. E, mentre la maggior parte dei farmaci di mira solo i percorsi singoli, i composti anti-infiammatori trovati in erbe e spezie bersaglio percorsi multipli. nel senso che forniscono la salute in molti modi, non solo uno.

Aglio, cipolla, rafano e infiammazione

Questi tre verdure piccanti contengono composti anti-infiammatori potenti, come allicina, quercitina, e isotiocianato di allile. Per ottenere la massima efficacia, dovrebbero essere tagliate e consumati crudi, ma la loro asprezza possono spesso impedisce a detto.

Suggerimento Per Cucinare aglio e cipolle

Per essere sicuri di ancora ottenere una buona quantità di attività anti-infiammatoria quando li si cucina, lasciarli riposare almeno un minuto dopo di loro tagliare prima di introdurre il calore – questo vi permetterà di composti anti-infiammatori completamente forma.

Frutta e verdura colorate

Tutta la frutta e la verdura contengono fitonutrienti, anche se alcuni (come mirtilli) rubare la maggior parte del credito. Fitonutrienti, come i principi attivi in ​​spezie, possono agire direttamente sul genica umana o indirettamente, influenzare altri fattori che poi regolano i geni. Il risultato è lo stesso – una dieta ricca di fitonutrienti rifiuta geni pro-infiammatori e combatte l’infiammazione e le malattie in generale.

Fitonutrienti non sono pienamente compresi, anche se alcuni sono stati oggetto di un intenso studio, come la curcumina, nella curcuma. li possiamo trovare solo in fonti vegetali, e sono di fondamentale importanza per la salute superiore.

Non è un tratto lontano immaginare che il corpo si basa su composti che si trovano solo nelle piante per aiutare a regolare se stesso – dopo tutto, noi non produrre vitamina C e deve contare su frutta e verdura per esso. Indipendentemente dal fatto che l’infiammazione può essere combattuta senza fitonutrienti, sappiamo che la battaglia è molto più facile quando abbiamo caricare su di essi.

Omega-3 acidi grassi e l’infiammazione

Gli acidi grassi omega-3, in particolare i derivati ​​EPA e DHA, hanno dimostrato di avere effetti anti-infiammatori. Gli acidi grassi omega-3, come gli acidi grassi omega-6, sono sono un parte delle nostre membrane cellulari. tra cui le nostre cellule del sistema immunitario, e sono incorporati in correlazione alla quantità che mangiamo.

Quando mangiamo una dieta ricca di acidi grassi omega-3, in particolare da pesci grassi come il salmone, tonno, aringhe, sgombri, sardine o, incorporiamo una più alta percentuale di acidi grassi omega-3 nelle nostre membrane cellulari. Questo riduce attivamente la quantità di acido arachidonico (l’acido grasso omega-6 il nostro corpo crea) incorporiamo nelle nostre cellule, il che riduce la quantità di eicosanoidi formate.

Gli eicosanoidi sono composti che svolgono un ruolo chiave nella modulazione nostra risposta infiammatoria, e mentre producono entrambi messaggeri pro-infiammatorie e anti-infiammatorie, con una quantità in eccesso di eicosanoidi nel nostro corpo sembra pendere la bilancia verso il lato pro-infiammatorio.

Oltre al pesce azzurro, è possibile trovare gli acidi grassi omega-3 a piante contenenti acido alfa-linolenico (ALA), semi di lino e in particolare semi di chia. Gli effetti anti-infiammatori di ALA non sono così forti come sono in EPA e DHA, ma ALA ha un vantaggio. Il nostro corpo converte ALA in EPA e DHA per la stessa via che utilizza per convertire l’acido linoleico, un impianto a base di omega-6, in acido arachidonico.

Ciò significa che gli omega-3 e omega-6 competere attivamente con l’altro, e se la vostra dieta è abbastanza ricco di acidi grassi omega-3 di origine vegetale, si creerà meno acido arachidonico dai omega-6 si consumano.

Perché "Arginina" È una parola importante da imparare

L’arginina è un aminoacido che si trova in grandi quantità nelle noci, semi e frutti di mare. Mentre il meccanismo attraverso il quale agisce rimane sconosciuta, la ricerca ha dimostrato che una dieta ricca di arginina è correlato con bassi livelli circolanti di CRP.

Che dire di alcol? Rullo di tamburi prego.

consumo moderato di alcol (1-2 bicchieri al giorno) è stato stato collegato con bassi livelli circolanti di CRP, che suggerisce di includere un bicchiere di vino con il vostro pasto può essere un modo efficace per ridurre l’infiammazione cronica. Essere consapevoli, tuttavia, che il consumo di alcol in eccesso non fornirà eccesso di sollievo, e probabilmente interesserà altri fattori che causano l’infiammazione cronica, come l’aumento di peso.

Tè verde e l’infiammazione

Il tè verde contiene molti composti benefici, ma di particolare nota è epigallocatechina-3-gallato (EGCG), un polifenolo, che è stato dimostrato per bloccare l’attività NFkB. Inoltre, l’attività di EGCG non è regolamentata attraverso percorsi antiossidanti, ma è legata alla sua struttura, il che significa che blocca NFkB in un modo fondamentalmente diverso rispetto a molti altri micronutrienti.

Il legame tra infiammazione cronica e malattie croniche

Ora che abbiamo coperto perché si verifica l’infiammazione cronica, che cosa facciamo per contribuire ad essa, e come possiamo contribuire ad alleviare esso, diamo un’occhiata a le ragioni per cui è così importante fare tutto il possibile per sbarazzarsi di esso.

A causa di questo, riducendo l’infiammazione può ritardare o addirittura impedire completamente l’insorgenza di molte malattie croniche! Qui ci sono alcuni link che hanno dimostrato o sono attualmente oggetto di ricerca:

Il legame tra malattia coronarica, malattie cardiovascolari e infiammazione

I ricercatori hanno trovato che i livelli circolanti di CRP sono un indicatore moderata di malattia coronarica. Mentre la correlazione non è così forte come livelli di colesterolo totale, la pressione sanguigna, e se il soggetto fuma, è ancora correlativa.

Più interessante di quanto i giochi ruolo di CRP nel predire la malattia coronarica è il ruolo che essa può svolgere nell’insorgenza di esso e di altre malattie vascolari. Studi hanno dimostrato che l’infiammazione cronica conduce direttamente ad un endotelio danneggiato, il rivestimento dei nostri vasi sanguigni, e ha un importante ma non ancora pienamente compreso ruolo nella formazione delle placche che li bloccano.

Il legame tra il diabete e l’infiammazione

Malattie autoimmuni e infiammazione

L’artrite reumatoide, in particolare, è stata studiata attentamente per i collegamenti con l’infiammazione cronica e le sue biomarcatori caratteristici. Sia TNFa e IL-6 sono elevati nei pazienti con artrite reumatoide, e TNFa e IL-6 bloccanti sono oggetto di ricerca e sviluppo per fornire sollievo.

Le persone con lupus eritematoso sistemico mostrano anche elevati livelli di IL-6 e TNFa, seconda manifestazione della loro malattia. Mentre la ricerca non ha ancora risposto se l’abbassamento dei livelli di questi messaggeri pro-infiammatori potrebbe offrire sollievo, è chiaro che l’infiammazione ha un ruolo.

Malattie infiammatorie croniche intestinali, come il morbo di Crohn o la colite ulcerosa, sono un altro esempio di malattie autoimmuni in cui l’infiammazione gioca un ruolo chiave. In realtà, i medici stanno discutendo sul fatto IBD sono malattie autoimmuni davvero o se devono essere messi in un altro, relativamente nuova categoria conosciuta come le malattie autoinfiammatorie. In entrambi i casi, il blocco TNFa o IL-6 può essere un trattamento efficace per i pazienti che non rispondono ai trattamenti convenzionali.

Disturbi neurologici e infiammazione

La depressione è stata anche collegata con più elevati livelli circolanti di IL-6 e CRP. Non c’è un sacco di informazioni a questo punto come se l’infiammazione porta alla depressione, o se la depressione porta ad infiammazione. Aspettatevi ulteriori ricerche per essere fatto su questo argomento in un prossimo futuro!

Il legame tra cancro e l’infiammazione

Un modo facile per ridurre l’infiammazione in vita quotidiana

Chiaramente infiammazione cronica è uno stato che deve evitare, ma nonostante la lettura di questo e altri articoli, può sembrare una sfida per ottenere un corpo libero-infiammazione. L’obiettivo non è quello di paralizzare attraverso la conoscenza, ma piuttosto per potenziare – a condurre una vita più sano possibile, senza sentirsi come si deve rinunciare a tutto ciò che si godono attualmente. Detto questo, l’infiammazione cronica è, per il 99% delle persone, un’afflizione dello stile di vita, e l’unico modo per curare malattie stile di vita è quello di cambiare il vostro stile di vita.

Con l’infiammazione cronica, ci sono fattori più o meno importanti. Mentre tutti i fattori più importanti sono stati coperti sezioni precedenti, si consideri questa sezione una revisione rapida e semplice – contiene le informazioni più importanti per alleviare l’infiammazione cronica e le misure che sono i più facili da integrare. Per incorporazione di questi passaggi nel vostro stile di vita, l’infiammazione cronica può essere ridotta o completamente eliminata.

Raggiungere un peso ideale

Questa è la parte più difficile per molte persone, ma è anche la più importante. Finché si dispone di tessuto adiposo in eccesso, il tuo corpo sta per essere la creazione di eccesso di infiammazione, rendendo impossibile raggiungere uno stato libero infiammazione.

L’obesità è uno stato di basso grado di infiammazione cronica, il che significa che l’obesità e infiammazione coesistono. Se si combatte una fonte, si combatte entrambi.

Come esercizio combatte l’infiammazione

Anche se l’esercizio non è stata dimostrata per ridurre l’infiammazione in sé, ed è in realtà associato a un aumento dei livelli di IL-6 per un paio di giorni, l’esercizio fisico ha numerosi altri vantaggi, i quali aiutano il corpo meglio regolano la risposta infiammatoria. I nostri corpi sono progettati per muoversi, e una salute ottimale non possono essere raggiunti senza muoversi.

Caricare su Spezie ed erbe

Quando si prepara una ricetta, utilizzare i convocati per la quantità di spezie come una linea di base. Poi, mettere tanto in base alle necessità per sapore brillante, prima della salatura il piatto! Con l’eccezione di un paio di spezie, che sopraffanno tutti gli altri sapori (come chiodi di garofano, pimento, e noce moscata), la maggior parte delle spezie possono facilmente essere raddoppiati. Ancora meglio, il "più piccante" il piatto, il meno sale necessario, aumentando ulteriormente i suoi benefici per la salute.

Per ottenere i migliori spezie, trovare un mercato o spezie negozio etnico nelle vicinanze. La maggior parte degli americani non usano spezie di frequente, e di conseguenza tendono a sedersi e invecchiare sugli scaffali dei negozi di alimentari, dove perdono la loro potenza e sapore. A mercati etnici e negozi di spezie, le spezie vengono acquistati di frequente in modo non vi è più fatturato e potenza.

Mangiare le verdure

Indipendentemente da ciò che gli altri si crede di cibo, non si può negare il potere di verdure. Oltre a promuovere la salute in quasi ogni altro modo, le verdure sono ricche di fitonutrienti, che saranno attivamente combattere l’infiammazione. Inoltre, verdura che si riempiono e aiutano a rimanere pieno più a lungo, che significa che sarà meno probabilità di mangiare altri alimenti pro-infiammatori.

Anche "Salutare" Alimenti trasformati deve andare.

Gli alimenti trasformati, anche "salutare" quelli di negozi di salute, tendono ad essere caricato con carboidrati raffinati e acidi grassi omega-6, e privo di composti anti-infiammatori. Il cibo più elaborati si consuma, il cibo meno fresco a base vegetale si consumerà. I più omega-6 che si consumano da alimenti trasformati, più omega-3 il vostro corpo ha bisogno per combattere efficacemente l’infiammazione. Se alimenti trasformati è qualcosa che si consumano ogni giorno, tagliato fuori e sostituirlo con snack anti-infiammatori, come frutta, verdura e noci.

Prendete un supplemento di qualità anti-infiammatori (non un FANS)

Un integratore anti-infiammatori contiene composti anti-infiammatori concentrati, come curcumina e quercetina. Idealmente, si dovrebbe mangiare abbastanza frutta fresca, verdura e spezie per moderare in modo efficace la vostra risposta immunitaria con il cibo, ma tutti è inferiore, quindi un supplemento di qualità per aiutare con l’infiammazione è una buona idea.

Alcuni integratori, come Zyflamend, hanno avuto gli studi che mostrano impressionanti soppressione attiva delle cellule cancerose. Altri contengono composti concentrati che sono stati studiati, ma il supplemento stesso non abbia subito.

Mangiare un sacco di pesci grassi, semi di chia, e semi di lino per ridurre l’infiammazione

Si può anche prendere un integratore di olio di pesce di qualità. In tutti i casi, gli acidi grassi omega-3 saranno alleviare l’onere acido arachidonico nel vostro corpo. Pre-convertito EPA e DHA, che si trova più comunemente nel pesce, sono meglio integrati nelle membrane cellulari, sostituire l’acido arachidonico, e rilasciare eicosanoidi meno potenti per ridurre l’infiammazione cronica.

L’acido grasso omega-3 ALA (acido alfa-linolenico), che si trova a Chia e semi di lino, riprende la via metabolica per formare acido arachidonico, che significa il tuo corpo creerà meno dagli acidi grassi omega-6 si consumano. Sia EPA / DHA e ALA dovrebbe essere una parte della vostra dieta quotidiana per ottenere il massimo sollievo infiammatoria.

Passare al tè verde per ridurre l’infiammazione

Il caffè è una bevanda meravigliosa, ma la ricerca suggerisce che le persone che bevono 200 ml o più caffè al giorno (un misero 6,75 once) hanno livelli di TNFa, IL-6 e CRP significativamente più alto in circolazione. Tè verde, d’altro canto, riduce l’infiammazione. Se sei sano e non combattere l’infiammazione cronica, una tazza o due di caffè al giorno è improbabile che possa portare a problemi.

Se si soffre già da infiammazione cronica, tuttavia, la tua mossa migliore è quella di effettuare il passaggio al tè verde e ridurre tutte le fonti esterne di infiammazione.

Lo stress ha dimostrato di promuovere una risposta infiammatoria nel corpo, oltre a creare una serie di altri problemi che possono portare ad un corpo indossato-down inclini a infiammazione. Lo stress, come infiammazione, svolge un ruolo importante nel nostro corpo, ma quando è cronica cessa di servire uno scopo utile. Bottom Line: cronica stress porta a infiammazione cronica.

Trovare il modo migliore per rilasciare il carico alla fine della giornata, e lavorare per mantenere lo stress basso per tutta la giornata. Fare passeggiate, esercizio fisico, fare attività piacevoli che mantengono la vostra mente fuori la tua vita. Soprattutto, ricordate di mangiare la frutta, verdura e spezie. (Questo non si può dire abbastanza e sappiamo che PEERtrainer suona come un disco rotto su questo) Molte spezie, oltre a composti anti-infiammatori, contiene composti che aiutano a regolare lo stress, e che attivamente terrà felice e più probabile che per combattere infiammazione.

Conclusione: Ricordate che l’infiammazione è un continuum

L’infiammazione non è un interruttore della luce che è on o off, si può avere molti livelli diversi. L’infiammazione cronica più il tuo corpo ha, più a rischio sei, ma ricordate che il vostro corpo non è caduto in infiammazione cronica in un giorno. Potrebbe aver preso molti anni per l’infiammazione a costruire, ma questo non significa che deve prendere la stessa quantità di tempo per ridurlo.

Se sembra troppo da fare tutto in una volta, iniziare con una grande, cosa facile. Quadruplicare l’assunzione di spezie, iniziare la giornata con una grande ciotola di verdure, basta assicurarsi che sia qualcosa che conta. Come il tuo corpo inizia a combattere l’infiammazione, si inizia a sentire abbastanza bene a fare un altro cambiamento, e poi un altro, e poi un altro.

Per lo meno, tutti dovrebbero essere consumando cibi più anti-infiammatori. Anche se non si dispone di infiammazione cronica, alimenti anti-infiammatori sostenere la salute superiore e contribuirà a garantire non si ottiene l’infiammazione cronica. Verdura, frutta e spezie dovrebbero svolgere un ruolo enorme nella dieta di tutti, e se non siete sicuri se si sta mangiando abbastanza, mangiare di più. Non vi è alcuna conseguenza di avere una dieta altamente nutrienti, solo di avere uno poveri di nutrienti.

PEERtrainer Nota L’infiammazione porta a dolore cronico per molte persone. E ‘una cosa da sapere è necessario ridurre l’infiammazione, e un altro interamente alla realtà messo in atto un piano di azione che porta alla riduzione dell’infiammazione e del dolore ridotta. PEERtrainer ha messo insieme un webinar e il corso breve che mostra esattamente ciò che serve per essere eating- e non eating- al fine di ridurre il dolore. Questo non è un scherzo- molte persone che sono passati attraverso questo corso e ha seguito il consiglio delineato hanno sperimentato una drastica riduzione del dolore. Basta inserire la tua email e vi sarà immediatamente inviato tutto ciò che serve sapere per ottenere il vostro infiammazione sotto controllo:

Entrambe le cause di infiammazione, ed i pericoli specifici di infiammazione sono stati poco compresa dal punto di vista scientifico. Ma questo sta cambiando.

L’infiammazione è ormai capito come la riproduzione di un ruolo cruciale a moderare molte malattie croniche dello stile di vita. Nonostante questo, c’è un sacco di confusione esattamente ciò che provoca l’infiammazione, e che cosa possiamo fare per ridurlo.

Questo articolo discuterà l’ultima scienza e la ricerca, e anche fornire alcuni consigli pratici che si può mettere a uso immediato!

Che cosa causa l’infiammazione?

La prima cosa che deve essere affrontato è il motivo per cui si ottiene l’infiammazione a tutti, e come a breve termine infiammazione acuta si differenzia da infiammazione cronica.

L’infiammazione è la risposta naturale del corpo di un infortunio. Anche se i sintomi di infiammazione acuta sono sgradevoli, sono necessari per i processi di guarigione del corpo passa attraverso. I sintomi caratteristici sono dolore, arrossamento, calore, gonfiore e perdita di mobilità.

Se un disturbo termina con il suffisso "è", È una forma di infiammazione. Ad esempio, l’artrite viene da artro, giunto che significa, e itis, cioè l’infiammazione. Così, l’artrite è infiammazione delle articolazioni.

Che cosa è acuta infiammazione?

Il composto che aiuta la nostra aumentare il flusso sanguigno del corpo e la permeabilità, chiamato bradichinina. si lega anche ai nostri recettori del dolore, facendoci sapere la zona è ferito. Il nostro sistema immunitario va a lavorare, distruggendo eventuali agenti patogeni invasori e la rimozione di detriti. Al termine si allontana, prendendo l’infiammazione con esso.

Che cosa è l’infiammazione cronica?

Quando l’infiammazione non va via, è noto come infiammazione cronica o sistemica. e non è più una risposta pro-guarigione, ma piuttosto un sintomo che qualcosa è andato storto. Può essere difficile da diagnosticare un’infiammazione cronica, perché di solito non influisce parti del nostro corpo che possiamo vedere o sentire.

La chimica di infiammazione cronica

Per capire perché l’infiammazione cronica accade, alcuni dei processi biochimici che portano a tutti l’infiammazione deve prima essere compreso. Se c’è una cosa di togliere da questa sezione, è che le quattro proteine ​​elencati di seguito giocano un ruolo chiave nella nostra risposta immunitaria. Anche se non si può capire il rapporto completo che hanno da infiammazione cronica, essi sono noti i fattori che fungono da biomarcatori e portare a uno stato cronicamente infiammati.

1. Tumor Necrosis Factor alfa (TNF):

segnali TNFa al corpo per portare i globuli bianchi neutrofili al sito di infezione o lesioni. TNFa è noto come una citochina, o una proteina di segnalazione cellulare. Le citochine sono messaggeri molto simili in funzione, ma non identica, a ormoni.

TNF agisce come un "first responder" in un incidente – segnala al corpo, dove la maggior parte dei danni è in modo che il sistema immunitario può inviare la risposta giusta, che è quella di inviare i neutrofili, che agiscono come paramedici e vigili del fuoco, la compensazione macerie per raggiungere i feriti e kart via in ambulanze.

2. nucleare fattore kappa B (NF-kB):

NFkB funziona come un interruttore per alcuni geni. Quando NFkB è permesso di entrare nel nucleo, che lo fa attraverso l’ausilio di TNFa, attiva i geni che consentono alle cellule a proliferare, maturo, e di evitare la distruzione attraverso apoptosi (morte cellulare programmata). Questo permette di globuli bianchi per replicare e fare il loro lavoro nel ripulire la zona infetta o feriti. NFkB è un complesso proteico fattore di trascrizione.

NFkB è simile al impostazione prioritaria su una linea di comunicazione – apre tutti i canali disponibili per la risposta più veloce. Quando NFkB è acceso, EMT, polizia, vigili del fuoco e continueranno ad affluire alla scena dell’incidente. Quando NF-kB viene spento, smettono di arrivare e cominciare a lasciare.

3. L’interleuchina-6 (IL-6):

IL-6 atti di chiamare l’equipaggio strada per ripulire i detriti da un incidente e supervisiona il progresso. Come la strada si avvicina ad essere del tutto chiaro, IL-6 invia i detergenti, polizia, e qualcuno ha lasciato sulla scena dell’incidente via e, infine, dichiara la strada aperta, ancora una volta.

Proteina 4.C-reattiva (CRP):

CRP si comporta come la vernice un logger segna alberi per raccogliere con – è un segno che questo albero è bene rimuovere, ma che non lo è. Senza di CRP, ci vorrebbe il nostro corpo molto più tempo per capire quello che dovrebbe rimuovere e ciò che non dovrebbe.

Perché Comprendere la chimica è importante:

Immaginate che l’infiammazione è un tamponamento a catena multi-auto su una strada. Le prime persone addestrate ad arrivare sulla scena, TNFa di, guardare attraverso le macerie per trovare eventuali pericoli immediati, individuare persone ferite, e aprire tutte le vie di comunicazione per la risposta incidente è veloce e forte. I prossimi persone per arrivare sono i vigili del fuoco e paramedici, i neutrofili, che iniziano a fare leva vetture aperte e spostare l’infortunato in ambulanze.

Sanno quali oggetti sono detriti e che non sono perché CRP ha attraversato e contrassegnati i detriti, rendendo la pulizia veloce ed efficiente. Una volta che la strada è libera, IL-6 dichiara la strada riaperta e respinge l’equipaggio strada più di chiunque altro rimane alla scena dell’incidente. Ecco come funziona l’infiammazione acuta: si tratta di un processo veloce, efficiente, che ripara e pulisce le aree danneggiate e poi se ne va.

Come infiammazione cronica è diverso da acuta Infiammazione

La storia è un po ‘diverso con l’infiammazione cronica. Immaginate la stessa strada, ma non è un caso. I primi soccorritori sono stati chiamati alla scena, ma non riescono a trovare alcun relitto o feriti. Tuttavia, essi doverosamente aperto tutte le linee di comunicazione in modo che gli altri soccorritori possono venire. I vigili del fuoco e paramedici non arrivare mai, perché non ci sono danni, ma IL-6 chiama ancora in equipaggio strada per sgombrare i detriti inesistente. CRP è anche presente, cercando di individuare i residui di etichettare per la pulizia.

L’infiammazione cronica ha messo in, e il modo migliore per sbarazzarsi di infiammazione cronica è quello di dare al vostro corpo gli strumenti per eliminare i primi soccorritori non necessari, equipaggio strada, e altre risposte in eccesso. Senza ridurre i livelli di TNFa, NFkB, IL-6 e CRP, i soggiorni stradali "disregolato" e disfunzionale.

Molti fattori possono causare una risposta immunitaria disregolazione e portare a infiammazione cronica. Alcuni sono genetici, e non può essere modificato. Più spesso. tuttavia, sono fattori di stile di vita, e completamente modificabile. Oggi, il fattore più importante è il peso – tessuto grasso in eccesso porta a infiammazione cronica.

A seguito di peso, il cibo è il fattore più importante prossimo, non solo ciò che mangiamo, ma ciò che dovremmo mangiare. Il fumo è una fonte significativa di infiammazione pure. Dopo questi fattori, le radiazioni UV, stress, e le tossine ambientali come i pesticidi possono essere fonti di infiammazione pure.

Il tessuto adiposo, adipochine, e infiammazione

Non è più si ritiene che il tessuto adiposo bianco, o il grasso, è solo un organo di stoccaggio per l’energia in eccesso, come ora stiamo arrivando a capire che svolge un ruolo importante come un organo endocrino. In un individuo con una buona quantità di grasso, gli adipociti, o le singole cellule del tessuto adiposo, rilasciare una serie di ormoni e citochine simili agli ormoni, noti come adipochine, che controllano vari aspetti del nostro appetito e il nostro sistema immunitario. Del maggior interesse per l’infiammazione sono le adipochine, due dei quali sono i messaggeri pro-infiammatorie TNFa e IL-6.

Il grasso, come qualsiasi altro organo del corpo, ha una dimensione ideale, e funziona meglio quando in quel formato. Una tiroide ingrandita è preoccupazione per la salute, e può finire per rilasciare troppi ormoni, causando disfunzioni nel nostro corpo. Grasso non è diverso: una volta ingrandita, rilascia più ormoni e adipochine. Come grasso si espande attraverso l’aumento di peso, le cellule del tessuto adiposo rilasciano messaggeri sempre più infiammatorie, tra TNFa e IL-6.

Perché è necessario Spice It Up

Va inoltre notato che i più importanti giochi di ruolo alimentari a infiammazione cronica non è ciò che mangiamo, ma ciò che non mangia abbastanza. Frutta, verdura, e la maggior parte cruciale spezie tutti svolgono un ruolo enorme nella abbassare i livelli di messaggeri pro-infiammatorie. Si può ipotizzare che il ruolo più alimenti pro-infiammatori hanno è che sostituiscono alimenti anti-infiammatori nella nostra dieta, rendendolo più sul bilanciamento infiammatori alimenti di loro rimozione completa.

Gli alimenti che causano l’infiammazione

Tenete a mente che questi alimenti causano l’infiammazione più in individui che già soffrono di infiammazione cronica. E ‘una questione di equilibrio nella maggior parte dei casi, non è completa rimozione, anche se molti di questi nutrienti si trovano principalmente negli alimenti trasformati, che dovrebbero essere completamente rimosso per il massimo sollievo di infiammazione cronica.

Grassi trans, grassi saturi e l’infiammazione

Gli studi hanno dimostrato che le diete ad alto contenuto di acidi grassi trans e acidi grassi saturi possono avere effetti pro-infiammatori. Gli acidi grassi trans, in particolare, hanno dimostrato di aumentare la CRP, IL-6 e TNFa. È importante notare, tuttavia, che nessuno di questi grassi ha avuto un forte effetto infiammatorio se consumato in una bassa a moderata grasso dieta. Questo suggerisce che è il livello di grassi nella dieta di un individuo che influenza gli effetti pro e anti-infiammatori di acidi grassi saturi e trans, causando loro di essere più infiammatorio normale quando consumati in quantità elevate.

Gli alimenti che sono ricchi di acidi grassi trans sono cucinati con olio idrogenato o parzialmente idrogenato. Questi includono molti alimenti trasformati, come biscotti, cracker, e patatine. Il modo più sicuro per identificare gli alimenti che contengono grassi trans è quello di guardare la lista degli ingredienti. Se si vede la parola "idrogenato", Il cibo contiene almeno un po ‘di grassi trans. A causa di etichettatura legge, un alimento è consentito pubblicizzare se stessa come "Trans Fat Free" se contiene meno di .5 grammi per porzione, quindi l’unico modo per essere sicuri che qualcosa è veramente grassi trans gratis è quello di guardare la lista degli ingredienti. Trans grassi deve essere completamente evitato per motivi di salute che non riguardano direttamente con l’infiammazione.

Gli alimenti che sono ad alto contenuto di acidi grassi saturi sono principalmente prodotti di origine animale, per lo più animali alimentati con cereali. carne alimentati con cereali è anche più alta in alcuni altri composti pro-infiammatori, e più bassa in quelle anti-infiammatori, quindi se riducendo l’infiammazione è un obiettivo, cercare di carne nutriti con erba o pascolare.

Alcuni oli vegetali, come olio di cocco e di palma, sono anche ricchi di acidi grassi saturi, ma è importante notare che entrambi cocco e di palma oli non raffinati hanno anche forti antinfiammatorio composti pure.

Omega-6 acidi grassi: l’atto di bilanciamento

Gli acidi grassi omega-6 possono essere pro-infiammatorie, ma come con acidi grassi saturi, è dotato di un addendum. Quando omega-6 il consumo supera di gran lunga omega-3 il consumo, quindi il nostro corpo diventa sovraccarico di acido arachidonico, il grasso del nostro corpo crea da acidi grassi omega-6. Entrambi gli acidi grassi omega-6 e omega-3 sono essenziali – il nostro corpo non può produrre essa stessa, in modo che li deve consumare nella nostra dieta. Sia omega-6 e omega-3 sono parte integrante delle nostre membrane cellulari così, e si trovano nelle nostre membrane cellulari in proporzione agli importi di loro che mangiamo. Ciò significa che, quando si parla di infiammazione, la cosa più importante da tenere a mente è il rapporto di omega-3 e omega-6, non solo l’importo totale.

Mentre siamo in grado di consumare l’acido arachidonico direttamente quando si mangia carne, di gran lunga la fonte più comune di acidi grassi omega-6, e quindi di acido arachidonico, è alcuni tipi di oli vegetali. Girasole, cartamo, soia, mais, olio di cotone e contengono più omega-6, e con l’eccezione di soia sono praticamente privi di omega-3 (anche olio di soia è troppo basso per considerare un buon omega-3 source). Avrete notato che questi cinque oli capita di essere gli oli più utilizzati in alimenti trasformati – cioè non sbaglia. Gli acidi grassi omega-6 non sono inclini a irrancidimento come omega-3 sono, e quindi sono utilizzati per i prodotti alimentari trasformati in modo da non andare a male sullo scaffale.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità suggerisce che si dovrebbe mirare per il nostro omega-3: rapporto 6 a essere di almeno 1: 5 a 1:10, ma salute ottimale risiede nel 1: 1 a 1: 4 gamma. La dieta americana media fornisce un rapporto di circa 1:11-01:20, più comunemente all’estremità superiore, il che significa che per ogni un grammo di omega-3 che consumiamo, consumiamo undici a venti grammi di omega-6.

Basta consumare più acidi grassi omega-3 non è una soluzione valida per la maggior parte delle persone in quanto si tende a consumare tanti omega-6 attraverso alimenti trasformati. Una singola porzione di patatine fritte contiene, in media, 2.5-3 grammi di acidi grassi omega-6. La lattina medio del tonno, invece, contiene solo circa 0,5 grammi di omega-3. Il pesce fresco contiene più omega-3 (una quantità equivalente di tonno fresco ha 2,5 grammi), ma sarebbe difficile mangiare una porzione di un pesce per ogni manciata di patatine fritte che mangiamo.

Carboidrati raffinati, eccesso di zucchero e l’infiammazione

carboidrati raffinati e zuccheri in eccesso possono causare sia i nostri livelli di glucosio nel sangue a picco e inducono iperglicemia acuta, o troppo alto di zucchero nel sangue. L’evidenza suggerisce che quando il nostro zucchero nel sangue è troppo alto, il nostro corpo rilascia IL-6 e TNFa, i messaggeri pro-infiammatorie in più.

Tutto artificiale è un grande marcatore

Non c’è molta ricerca per legare direttamente i colori artificiali, aromi, e dolcificanti a infiammazione cronica, se la ricerca ha legato tutti questi ingredienti artificiali per altre questioni. ingredienti artificiali mostrano soltanto negli alimenti trasformati, che tende ad essere alto in altri nutrienti pro-infiammatorie, se non tutti in una volta. Durante la rimozione ingredienti artificiali stessi non possono alleviare l’infiammazione, evitando gli alimenti trasformati che contengono li certamente.

Gli alimenti si è allergici o sensibili a

Se sai di avere un’allergia, anche lieve, allora questo è un alimento che promuoverà l’infiammazione nel vostro corpo. Ci sono anche alcuni alimenti che sono provocando sempre più sensibilità, nonché, come il glutine o caseina (trovato in prodotti lattiero-caseari), ma questi alimenti non stanno andando a causare una risposta infiammatoria a tutti e, come la maggior parte degli altri alimenti in questo elenco , sono infiammatoria solo in un certo contesto.

Gli alimenti che combattere l’infiammazione cronica

Considerando che i cibi pro-infiammatori erano tutti sul contesto, gli alimenti anti-infiammatori tendono a promuovere un corpo libero-infiammazione sempre.

Attraverso meccanismi non pienamente compreso, molte piante contengono composti chimici che trasformano attivamente giù TNFa, NFkB, IL-6, e l’attività CRP. Altri alimenti contengono sostanze nutritive che lotta contro composti pro-infiammatori – impediscono loro assorbimento o di utilizzo, che porta ad una risposta più anti-infiammatori. Nel complesso, l’aggiunta di questi alimenti alla vostra dieta vi aiuterà a girare le tabelle su infiammazione, con conseguente recupero.

Come Spezie ed erbe combattere l’infiammazione

Molta attenzione è stata focalizzata su recentemente curcuma come spezie anti-infiammatori e anti-cancro. Curcuma contiene un elevato numero di composti anti-infiammatori e malattie impedendo attivi, ma la verità è che ogni spezie e erbe contiene composti anti-infiammatori, solitamente almeno tre. E, mentre la maggior parte dei farmaci di mira solo i percorsi singoli, i composti anti-infiammatori trovati in erbe e spezie bersaglio percorsi multipli. nel senso che forniscono la salute in molti modi, non solo uno.

Aglio, cipolla, rafano e infiammazione

Questi tre verdure piccanti contengono composti anti-infiammatori potenti, come allicina, quercitina, e isotiocianato di allile. Per ottenere la massima efficacia, dovrebbero essere tagliate e consumati crudi, ma la loro asprezza possono spesso impedisce a detto.

Suggerimento Per Cucinare aglio e cipolle

Per essere sicuri di ancora ottenere una buona quantità di attività anti-infiammatoria quando li si cucina, lasciarli riposare almeno un minuto dopo di loro tagliare prima di introdurre il calore – questo vi permetterà di composti anti-infiammatori completamente forma.

Frutta e verdura colorate

Tutta la frutta e la verdura contengono fitonutrienti, anche se alcuni (come mirtilli) rubare la maggior parte del credito. Fitonutrienti, come i principi attivi in ​​spezie, possono agire direttamente sul genica umana o indirettamente, influenzare altri fattori che poi regolano i geni. Il risultato è lo stesso – una dieta ricca di fitonutrienti rifiuta geni pro-infiammatori e combatte l’infiammazione e le malattie in generale.

Fitonutrienti non sono pienamente compresi, anche se alcuni sono stati oggetto di un intenso studio, come la curcumina, nella curcuma. li possiamo trovare solo in fonti vegetali, e sono di fondamentale importanza per la salute superiore.

Non è un tratto lontano immaginare che il corpo si basa su composti che si trovano solo nelle piante per aiutare a regolare se stesso – dopo tutto, noi non produrre vitamina C e deve contare su frutta e verdura per esso. Indipendentemente dal fatto che l’infiammazione può essere combattuta senza fitonutrienti, sappiamo che la battaglia è molto più facile quando abbiamo caricare su di essi.

Omega-3 acidi grassi e l’infiammazione

Gli acidi grassi omega-3, in particolare i derivati ​​EPA e DHA, hanno dimostrato di avere effetti anti-infiammatori. Gli acidi grassi omega-3, come gli acidi grassi omega-6, sono sono un parte delle nostre membrane cellulari. tra cui le nostre cellule del sistema immunitario, e sono incorporati in correlazione alla quantità che mangiamo.

Quando mangiamo una dieta ricca di acidi grassi omega-3, in particolare da pesci grassi come il salmone, tonno, aringhe, sgombri, sardine o, incorporiamo una più alta percentuale di acidi grassi omega-3 nelle nostre membrane cellulari. Questo riduce attivamente la quantità di acido arachidonico (l’acido grasso omega-6 il nostro corpo crea) incorporiamo nelle nostre cellule, il che riduce la quantità di eicosanoidi formate.

Gli eicosanoidi sono composti che svolgono un ruolo chiave nella modulazione nostra risposta infiammatoria, e mentre producono entrambi messaggeri pro-infiammatorie e anti-infiammatorie, con una quantità in eccesso di eicosanoidi nel nostro corpo sembra pendere la bilancia verso il lato pro-infiammatorio.

Oltre al pesce azzurro, è possibile trovare gli acidi grassi omega-3 a piante contenenti acido alfa-linolenico (ALA), semi di lino e in particolare semi di chia. Gli effetti anti-infiammatori di ALA non sono così forti come sono in EPA e DHA, ma ALA ha un vantaggio. Il nostro corpo converte ALA in EPA e DHA per la stessa via che utilizza per convertire l’acido linoleico, un impianto a base di omega-6, in acido arachidonico.

Ciò significa che gli omega-3 e omega-6 competere attivamente con l’altro, e se la vostra dieta è abbastanza ricco di acidi grassi omega-3 di origine vegetale, si creerà meno acido arachidonico dai omega-6 si consumano.

Perché "Arginina" È una parola importante da imparare

L’arginina è un aminoacido che si trova in grandi quantità nelle noci, semi e frutti di mare. Mentre il meccanismo attraverso il quale agisce rimane sconosciuta, la ricerca ha dimostrato che una dieta ricca di arginina è correlato con bassi livelli circolanti di CRP.

Che dire di alcol? Rullo di tamburi prego.

consumo moderato di alcol (1-2 bicchieri al giorno) è stato stato collegato con bassi livelli circolanti di CRP, che suggerisce di includere un bicchiere di vino con il vostro pasto può essere un modo efficace per ridurre l’infiammazione cronica. Essere consapevoli, tuttavia, che il consumo di alcol in eccesso non fornirà eccesso di sollievo, e probabilmente interesserà altri fattori che causano l’infiammazione cronica, come l’aumento di peso.

Tè verde e l’infiammazione

Il tè verde contiene molti composti benefici, ma di particolare nota è epigallocatechina-3-gallato (EGCG), un polifenolo, che è stato dimostrato per bloccare l’attività NFkB. Inoltre, l’attività di EGCG non è regolamentata attraverso percorsi antiossidanti, ma è legata alla sua struttura, il che significa che blocca NFkB in un modo fondamentalmente diverso rispetto a molti altri micronutrienti.

Il legame tra infiammazione cronica e malattie croniche

Ora che abbiamo coperto perché si verifica l’infiammazione cronica, che cosa facciamo per contribuire ad essa, e come possiamo contribuire ad alleviare esso, diamo un’occhiata a le ragioni per cui è così importante fare tutto il possibile per sbarazzarsi di esso.

A causa di questo, riducendo l’infiammazione può ritardare o addirittura impedire completamente l’insorgenza di molte malattie croniche! Qui ci sono alcuni link che hanno dimostrato o sono attualmente oggetto di ricerca:

Il legame tra malattia coronarica, malattie cardiovascolari e infiammazione

I ricercatori hanno trovato che i livelli circolanti di CRP sono un indicatore moderata di malattia coronarica. Mentre la correlazione non è così forte come livelli di colesterolo totale, la pressione sanguigna, e se il soggetto fuma, è ancora correlativa.

Più interessante di quanto i giochi ruolo di CRP nel predire la malattia coronarica è il ruolo che essa può svolgere nell’insorgenza di esso e di altre malattie vascolari. Studi hanno dimostrato che l’infiammazione cronica conduce direttamente ad un endotelio danneggiato, il rivestimento dei nostri vasi sanguigni, e ha un importante ma non ancora pienamente compreso ruolo nella formazione delle placche che li bloccano.

Il legame tra il diabete e l’infiammazione

Malattie autoimmuni e infiammazione

L’artrite reumatoide, in particolare, è stata studiata attentamente per i collegamenti con l’infiammazione cronica e le sue biomarcatori caratteristici. Sia TNFa e IL-6 sono elevati nei pazienti con artrite reumatoide, e TNFa e IL-6 bloccanti sono oggetto di ricerca e sviluppo per fornire sollievo.

Le persone con lupus eritematoso sistemico mostrano anche elevati livelli di IL-6 e TNFa, seconda manifestazione della loro malattia. Mentre la ricerca non ha ancora risposto se l’abbassamento dei livelli di questi messaggeri pro-infiammatori potrebbe offrire sollievo, è chiaro che l’infiammazione ha un ruolo.

Malattie infiammatorie croniche intestinali, come il morbo di Crohn o la colite ulcerosa, sono un altro esempio di malattie autoimmuni in cui l’infiammazione gioca un ruolo chiave. In realtà, i medici stanno discutendo sul fatto IBD sono malattie autoimmuni davvero o se devono essere messi in un altro, relativamente nuova categoria conosciuta come le malattie autoinfiammatorie. In entrambi i casi, il blocco TNFa o IL-6 può essere un trattamento efficace per i pazienti che non rispondono ai trattamenti convenzionali.

Disturbi neurologici e infiammazione

La depressione è stata anche collegata con più elevati livelli circolanti di IL-6 e CRP. Non c’è un sacco di informazioni a questo punto come se l’infiammazione porta alla depressione, o se la depressione porta ad infiammazione. Aspettatevi ulteriori ricerche per essere fatto su questo argomento in un prossimo futuro!

Il legame tra cancro e l’infiammazione

Un modo facile per ridurre l’infiammazione in vita quotidiana

Chiaramente infiammazione cronica è uno stato che deve evitare, ma nonostante la lettura di questo e altri articoli, può sembrare una sfida per ottenere un corpo libero-infiammazione. L’obiettivo non è quello di paralizzare attraverso la conoscenza, ma piuttosto per potenziare – a condurre una vita più sano possibile, senza sentirsi come si deve rinunciare a tutto ciò che si godono attualmente. Detto questo, l’infiammazione cronica è, per il 99% delle persone, un’afflizione dello stile di vita, e l’unico modo per curare malattie stile di vita è quello di cambiare il vostro stile di vita.

Con l’infiammazione cronica, ci sono fattori più o meno importanti. Mentre tutti i fattori più importanti sono stati coperti sezioni precedenti, si consideri questa sezione una revisione rapida e semplice – contiene le informazioni più importanti per alleviare l’infiammazione cronica e le misure che sono i più facili da integrare. Per incorporazione di questi passaggi nel vostro stile di vita, l’infiammazione cronica può essere ridotta o completamente eliminata.

Raggiungere un peso ideale

Questa è la parte più difficile per molte persone, ma è anche la più importante. Finché si dispone di tessuto adiposo in eccesso, il tuo corpo sta per essere la creazione di eccesso di infiammazione, rendendo impossibile raggiungere uno stato libero infiammazione.

L’obesità è uno stato di basso grado di infiammazione cronica, il che significa che l’obesità e infiammazione coesistono. Se si combatte una fonte, si combatte entrambi.

Come esercizio combatte l’infiammazione

Anche se l’esercizio non è stata dimostrata per ridurre l’infiammazione in sé, ed è in realtà associato a un aumento dei livelli di IL-6 per un paio di giorni, l’esercizio fisico ha numerosi altri vantaggi, i quali aiutano il corpo meglio regolano la risposta infiammatoria. I nostri corpi sono progettati per muoversi, e una salute ottimale non possono essere raggiunti senza muoversi.

Caricare su Spezie ed erbe

Quando si prepara una ricetta, utilizzare i convocati per la quantità di spezie come una linea di base. Poi, mettere tanto in base alle necessità per sapore brillante, prima della salatura il piatto! Con l’eccezione di un paio di spezie, che sopraffanno tutti gli altri sapori (come chiodi di garofano, pimento, e noce moscata), la maggior parte delle spezie possono facilmente essere raddoppiati. Ancora meglio, il "più piccante" il piatto, il meno sale necessario, aumentando ulteriormente i suoi benefici per la salute.

Per ottenere i migliori spezie, trovare un mercato o spezie negozio etnico nelle vicinanze. La maggior parte degli americani non usano spezie di frequente, e di conseguenza tendono a sedersi e invecchiare sugli scaffali dei negozi di alimentari, dove perdono la loro potenza e sapore. A mercati etnici e negozi di spezie, le spezie vengono acquistati di frequente in modo non vi è più fatturato e potenza.

Mangiare le verdure

Indipendentemente da ciò che gli altri si crede di cibo, non si può negare il potere di verdure. Oltre a promuovere la salute in quasi ogni altro modo, le verdure sono ricche di fitonutrienti, che saranno attivamente combattere l’infiammazione. Inoltre, verdura che si riempiono e aiutano a rimanere pieno più a lungo, che significa che sarà meno probabilità di mangiare altri alimenti pro-infiammatori.

Anche "Salutare" Alimenti trasformati deve andare.

Gli alimenti trasformati, anche "salutare" quelli di negozi di salute, tendono ad essere caricato con carboidrati raffinati e acidi grassi omega-6, e privo di composti anti-infiammatori. Il cibo più elaborati si consuma, il cibo meno fresco a base vegetale si consumerà. I più omega-6 che si consumano da alimenti trasformati, più omega-3 il vostro corpo ha bisogno per combattere efficacemente l’infiammazione. Se alimenti trasformati è qualcosa che si consumano ogni giorno, tagliato fuori e sostituirlo con snack anti-infiammatori, come frutta, verdura e noci.

Prendete un supplemento di qualità anti-infiammatori (non un FANS)

Un integratore anti-infiammatori contiene composti anti-infiammatori concentrati, come curcumina e quercetina. Idealmente, si dovrebbe mangiare abbastanza frutta fresca, verdura e spezie per moderare in modo efficace la vostra risposta immunitaria con il cibo, ma tutti è inferiore, quindi un supplemento di qualità per aiutare con l’infiammazione è una buona idea.

Alcuni integratori, come Zyflamend, hanno avuto gli studi che mostrano impressionanti soppressione attiva delle cellule cancerose. Altri contengono composti concentrati che sono stati studiati, ma il supplemento stesso non abbia subito.

Mangiare un sacco di pesci grassi, semi di chia, e semi di lino per ridurre l’infiammazione

Si può anche prendere un integratore di olio di pesce di qualità. In tutti i casi, gli acidi grassi omega-3 saranno alleviare l’onere acido arachidonico nel vostro corpo. Pre-convertito EPA e DHA, che si trova più comunemente nel pesce, sono meglio integrati nelle membrane cellulari, sostituire l’acido arachidonico, e rilasciare eicosanoidi meno potenti per ridurre l’infiammazione cronica.

L’acido grasso omega-3 ALA (acido alfa-linolenico), che si trova a Chia e semi di lino, riprende la via metabolica per formare acido arachidonico, che significa il tuo corpo creerà meno dagli acidi grassi omega-6 si consumano. Sia EPA / DHA e ALA dovrebbe essere una parte della vostra dieta quotidiana per ottenere il massimo sollievo infiammatoria.

Passare al tè verde per ridurre l’infiammazione

Il caffè è una bevanda meravigliosa, ma la ricerca suggerisce che le persone che bevono 200 ml o più caffè al giorno (un misero 6,75 once) hanno livelli di TNFa, IL-6 e CRP significativamente più alto in circolazione. Tè verde, d’altro canto, riduce l’infiammazione. Se sei sano e non combattere l’infiammazione cronica, una tazza o due di caffè al giorno è improbabile che possa portare a problemi.

Se si soffre già da infiammazione cronica, tuttavia, la tua mossa migliore è quella di effettuare il passaggio al tè verde e ridurre tutte le fonti esterne di infiammazione.

Lo stress ha dimostrato di promuovere una risposta infiammatoria nel corpo, oltre a creare una serie di altri problemi che possono portare ad un corpo indossato-down inclini a infiammazione. Lo stress, come infiammazione, svolge un ruolo importante nel nostro corpo, ma quando è cronica cessa di servire uno scopo utile. Bottom Line: cronica stress porta a infiammazione cronica.

Trovare il modo migliore per rilasciare il carico alla fine della giornata, e lavorare per mantenere lo stress basso per tutta la giornata. Fare passeggiate, esercizio fisico, fare attività piacevoli che mantengono la vostra mente fuori la tua vita. Soprattutto, ricordate di mangiare la frutta, verdura e spezie. (Questo non si può dire abbastanza e sappiamo che PEERtrainer suona come un disco rotto su questo) Molte spezie, oltre a composti anti-infiammatori, contiene composti che aiutano a regolare lo stress, e che attivamente terrà felice e più probabile che per combattere infiammazione.

Conclusione: Ricordate che l’infiammazione è un continuum

L’infiammazione non è un interruttore della luce che è on o off, si può avere molti livelli diversi. L’infiammazione cronica più il tuo corpo ha, più a rischio sei, ma ricordate che il vostro corpo non è caduto in infiammazione cronica in un giorno. Potrebbe aver preso molti anni per l’infiammazione a costruire, ma questo non significa che deve prendere la stessa quantità di tempo per ridurlo.

Se sembra troppo da fare tutto in una volta, iniziare con una grande, cosa facile. Quadruplicare l’assunzione di spezie, iniziare la giornata con una grande ciotola di verdure, basta assicurarsi che sia qualcosa che conta. Come il tuo corpo inizia a combattere l’infiammazione, si inizia a sentire abbastanza bene a fare un altro cambiamento, e poi un altro, e poi un altro.

Per lo meno, tutti dovrebbero essere consumando cibi più anti-infiammatori. Anche se non si dispone di infiammazione cronica, alimenti anti-infiammatori sostenere la salute superiore e contribuirà a garantire non si ottiene l’infiammazione cronica. Verdura, frutta e spezie dovrebbero svolgere un ruolo enorme nella dieta di tutti, e se non siete sicuri se si sta mangiando abbastanza, mangiare di più. Non vi è alcuna conseguenza di avere una dieta altamente nutrienti, solo di avere uno poveri di nutrienti.

PEERtrainer Nota L’infiammazione porta a dolore cronico per molte persone. E ‘una cosa da sapere è necessario ridurre l’infiammazione, e un altro interamente alla realtà messo in atto un piano di azione che porta alla riduzione dell’infiammazione e del dolore ridotta. PEERtrainer ha messo insieme un webinar e il corso breve che mostra esattamente ciò che serve per essere eating- e non eating- al fine di ridurre il dolore. Questo non è un scherzo- molte persone che sono passati attraverso questo corso e ha seguito il consiglio delineato hanno sperimentato una drastica riduzione del dolore. Basta inserire la tua email e vi sarà immediatamente inviato tutto ciò che serve sapere per ottenere il vostro infiammazione sotto controllo:

PEERtrainer Nota

L’infiammazione porta a dolore cronico per molte persone. E ‘una cosa da sapere è necessario ridurre l’infiammazione, e un altro interamente alla realtà messo in atto un piano di azione che porta alla riduzione dell’infiammazione e del dolore ridotta.

PEERtrainer ha messo insieme un webinar e il corso breve che mostra esattamente ciò che serve per essere eating- e non eating- al fine di ridurre il dolore.

Molte persone che sono passati attraverso questo corso e seguito il consiglio delineato hanno sperimentato una drastica riduzione del dolore. Basta inserire la tua email e vi sarà immediatamente inviato tutto ciò che serve sapere per ottenere il vostro infiammazione sotto controllo:

Condividi questo con un amico

Volete essere avvisati la prossima volta PEERtrainer pubblica un articolo?

Basta inserire il tuo indirizzo email qui sotto e si otterrà sulla nostra lista!

PEERtrainer Nota

L’infiammazione porta a dolore cronico per molte persone. E ‘una cosa da sapere è necessario ridurre l’infiammazione, e un altro interamente alla realtà messo in atto un piano di azione che porta alla riduzione dell’infiammazione e del dolore ridotta.

PEERtrainer ha messo insieme un webinar e il corso breve che mostra esattamente ciò che serve per essere eating- e non eating- al fine di ridurre il dolore.

Questo non è uno scherzo – molte persone che sono passati attraverso questo corso e seguito il consiglio delineato hanno sperimentato una drastica riduzione del dolore. Basta inserire la tua email e vi sarà immediatamente inviato tutto ciò che serve sapere per ottenere il vostro infiammazione sotto controllo:

PEERtrainer Nota

L’infiammazione porta a dolore cronico per molte persone. E ‘una cosa da sapere è necessario ridurre l’infiammazione, e un altro interamente alla realtà messo in atto un piano di azione che porta alla riduzione dell’infiammazione e del dolore ridotta.

PEERtrainer ha messo insieme un webinar e il corso breve che mostra esattamente ciò che serve per essere eating- e non eating- al fine di ridurre il dolore.

Molte persone che sono passati attraverso questo corso e seguito il consiglio delineato hanno sperimentato una drastica riduzione del dolore. Basta inserire la tua email e vi sarà immediatamente inviato tutto ciò che serve sapere per ottenere il vostro infiammazione sotto controllo:

Related posts

  • Qual è catarrale infiammazione, infiammazione catarrale.

    9 persone pensano che questa infiammazione utile per sé non ha i tipi. Potrebbe essere un blister da una bruciatura, che parte infiammata circostante una ferita o una lesione delle giunzioni che gonfiore …

  • Ciò che è infiammazione nel corpo

    Come un indicatore generale di stato generale di salute, alcuni test portano un peso maggiore predittiva di omocisteina. La quantità di omocisteina nel sangue è uno dei migliori indicatori oggettivi di …

  • Top 12 alimenti che causano l’infiammazione …

    cibi di tutti i giorni come pancetta, uova, caffè e prodotti lattiero-caseari sono legati all’infiammazione. Questo potrebbe non sembrare un grosso problema, ma prendere in considerazione il fatto che le condizioni più croniche come il cancro, …

  • Ciò che veramente provoca l’acne

    cicatrici da acne non sono in realtà una delle principali cause di preoccupazione. Tuttavia, la maggior parte delle persone che hanno loro sentire molto consapevole circa il loro aspetto. Purtroppo, si è anche visto che le persone che …

  • Quali sono le cause di un lievito infezione

    Milioni di donne soffrono di infezioni vaginali lievito ogni anno – tra cui infezioni dolorose che ri-emergono proprio quando pensi che se ne sono andati per sempre. Infatti, secondo i Centers for …

  • Quali sono le cause di artrite, buon cibo …

    Definizione, prevalenza, sintomi, cause e Testing prevalenza di artrite La maggior parte artrite si verifica come osteoartrite – ma l’artrite reumatoide è ampiamente sofferto troppo. Sono entrambi…