Vertebrobasilare Insufficienza …

Vertebrobasilare Insufficienza ...

Descrizione

anatomia di base
Le arterie vertebrali sono rami della succlavia (arto superiore) arterie. Essi sorgono, uno su ciascun lato del corpo, passare attraverso la colonna vertebrale (spina dorsale) nella parte posteriore del collo, e inserire il cranio attraverso il foro alla base del cranio chiamato il foro occipitale. All’interno del cranio, due arterie vertebrali si uniscono per formare l’arteria basilare alla base del midollo allungato. Le forniture dell’arteria basilare rami arteriosi alle staminali del cervello, cerebella e occipitale lobi, che controllano il sistema nervoso autonomo (funzioni inconsce come la respirazione, la frequenza cardiaca, ecc), il livello di coscienza, coordinazione, l’equilibrio e la visione.

Sintomi

Una persona con insufficienza vertebro-basilare (VBI) può avvertire i sintomi della durata di pochi minuti o sintomi permanenti. Questi sintomi possono includere:

  • Perdita della vista in tutto o in parte di entrambi gli occhi
  • Visione doppia
  • Vertigo (sensazione filatura)
  • Intorpidimento o formicolio
  • Nausea e vomito
  • Biascicamento
  • Perdita di coordinazione, vertigini o confusione
  • difficoltà a deglutire
  • Un attacco di goccia — improvvisa debolezza generalizzata

Poiché questi sintomi possono essere segni premonitori di un ictus, chiunque viverle dovrebbe cercare assistenza medica di emergenza. Trattamento immediato può aumentare la possibilità di un recupero completo.

Fattori di rischio

I fattori di rischio per le malattie cerebrovascolari sono quelli associati con l’aterosclerosi:

  • fumo
  • L’ipertensione (pressione alta)
  • L’età avanzata
  • Sesso: gli uomini hanno un rischio più elevato prima di 75 anni; le donne hanno un alto rischio dopo 75
  • Storia famigliare
  • fattori genetici
  • Iperlipidemia (elevati di grassi nel sangue)

I pazienti noti per avere l’aterosclerosi e con diagnosi di malattia coronarica o malattia delle arterie periferiche sono a maggior rischio di malattie vertebrobasilare e ictus.

Diagnosi

Gli studi delle arterie vertebrali e basilari possono essere eseguite utilizzando l’angiografia a risonanza magnetica (MRA) e angiografia standard (studio dei raggi X utilizzando colorante iniettato). Questi sono utilizzati per identificare malattia dell’arteria vertebro-basilare. Un CT (raggi X e immagini generate al computer 3-D) o la scansione RM del cervello possono essere utilizzate per confermare che un ictus si è già verificato.

Trattamento

Farmaci e uno stile di vita
I pazienti che hanno insufficienza vertebro-basilare, una storia di ictus o TIA (“mini-ictus”) Dovrebbe smettere di fumare immediatamente, il tentativo di abbassare i livelli di colesterolo attraverso la dieta, e di esercitare regolarmente. I medici possono anche prescrivere farmaci per controllare la pressione arteriosa alta, bassi livelli di colesterolo nel sangue e la funzione di blocco delle piastrine.

Location della placca che causa l’insufficienza vertebro-basilare dovrà stabilire se la riparazione dell’arteria è possibile. Più la placca è dal cervello, più è probabile aperta riparazione chirurgica e / o riparazione endovascolare saranno considerati come opzioni di trattamento.

Aperto riparazione chirurgica
Tre procedure chirurgiche di base possono essere utilizzati per ripristinare il flusso al cervello attraverso le arterie vertebrali e basilari. Bypass prevede il posizionamento di un nuovo vaso sanguigno intorno al sito del restringimento. trasposizione arteriosa diretta comporta lo spostamento di una porzione dell’arteria di un vaso adiacente, sano e cucire le proposte. Endarterectomy è la rimozione della placca dalla arteria interessata. ricoveri in ospedale e tempi di recupero variano, ma di solito sono più a lungo con la riparazione endovascolare.

riparazione endovascolare
Una tecnica più recente chiamata riparazione endovascolare è usato per trattare l’insufficienza vertebro-basilare. Esso comporta l’inserimento di un catetere in un’arteria dell’inguine attraverso un piccolo nick nella pelle. Un palloncino viene fatto avanzare alla arteria vertebrale dove viene gonfiata, espandendo la parete dell’arteria. Uno stent di metallo a condotto può essere inserito per mantenere aperta l’arteria e il sangue che scorre liberamente. I pazienti di solito rimanere in ospedale per uno o due giorni e rapidamente riprendere la normale attività.

Related posts

  • Malattie vertebrobasilare – Università …

    Il team di Chirurgia Vascolare presso l’Università del Michigan è dedicato a fornire cure eccezionali per la malattia vertebrobasilare nella U-M Cardiovascular Center (CVC). Il nostro nuovo…

  • Insufficienza venosa Trattamento …

    Vene contengono valvole e risultati malattia venosa da danni alle valvole vena. Venus malattia da reflusso (noto anche come insufficienza venosa cronica) si verifica quando le valvole difettose permettono al sangue nel …

  • Insufficienza venosa Trattamento …

    Considerazioni approccio Insufficienza venosa non è né raro né benigna. Il trattamento ha lo scopo di migliorare gli sintomi e, quando possibile, a correggere l’anomalia di fondo. Come…

  • Insufficienza venosa in Arizona …

    Vene varicose | Laser Vein Treatment | scleroterapia | Phoenix | Mesa Insufficienza venosa è una condizione in cui le vene non possono adeguatamente trasferire il sangue dalle gambe al cuore ….

  • Insufficienza venosa condizioni …

    Ci sono due tipi principali di condizioni-entrambi sono indicativi di un certo livello di insufficienza venosa sottostante vena. Spider vene sono aggrovigliati gruppi di minuscoli vasi sanguigni appena sotto …

  • Insufficienza venosa endovenoso …

    Astratta Parole chiave: endovenoso, ablazione termica, vena safena, reflusso, laser, radiofrequenza chiusura prospettive storiche tecniche multiple per il trattamento di reflusso safena sono stati …